Nuove linee guida della legionellosi

Nuove linee guida della legionellosi

Nuove linee guida della legionellosi

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato le nuove "Linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi", che recepiscono le linee guida nazionali del 2015 e forniscono indicazioni per applicarle nel territorio regionale.

Ricordiamo che le linee guida nazionali, approvate dal Ministero della salute a maggio 2015 non sono ancora state pubblicate in GU e quindi non costituiscono al momento uno strumento ufficiale.

Le linee guida regionali, recependo quelle nazionali, introducono la previsione che le strutture con impianti a rischio effettuino periodicamente la valutazione del rischio. Per le strutture che sono anche luoghi di lavoro, dove vi sia un rischio da esposizione ad acqua anche potenzialmente nebulizzata, è previsto che la valutazione sia obbligatoria, in considerazione del fatto che il rischio derivante da Legionella, è classificato agente biologico piuttosto rilevante.

Al riguardo le attività interessate in prima linea continuano ad essere le strutture turistico-ricettive; gli stabilimenti termali; le strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio assistenziali; ma vengono fornite indicazioni anche per il rischio associato ad attività lavorativa, quali operatori sanitari e altre categorie di lavoratori, ad es. movimento terra; giardinieri; addetti impianti di depurazione, addetti alla pulizia negli autolavaggi, ecc.

Gli impianti interessati sono invece principalmente gli impianti idro-sanitari, gli impianti areaulici, gli impianti di raffreddamento a torri evaporative e a condensatori evaporativi, gli impianti a servizio delle piscine e degli idromassaggi alimentati ad acqua dolce.

Per effettuare la valutazione del rischio ciascuna struttura può avvalersi di esperti di provata esperienza (es. igienista, microbiologo, ingegnere con esperienza specifica, ecc.). Le linee guida regionali, su questo aspetto, risolvono una criticità differenziandosi dalle linee guida nazionali, nelle quali è previsto che la valutazione deve essere effettuata da figura competente, responsabile dell'esecuzione di tale attività.

Per la gestione del rischio nelle strutture turistico-ricettive, socio-sanitarie e socio assistenziali, nonché negli stabilimenti termali la Regione prevede la nomina di un responsabile, che comprenda l'importanza della prevenzione e dell'applicazione delle misure di controllo. Nelle strutture sanitarie, invece, è prevista la costituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare.

Rispetto alle linee guida regionali pre-vigenti restano comunque validi gli obiettivi definiti in quella sede definiti ossia il contenimento del rischio e la riduzione del numero dei casi di legionellosi agendo prioritariamente sulle situazioni più critiche, sia con interventi preventivi che con provvedimenti efficaci di controllo nel momento in cui predetti casi si verificano.

Al riguardo si ricorda che nel 2016  si è registrato il numero di segnalazioni più alto ossia 290 casi, pertanto attraverso le predette linee guida si è ben pensato di aumentare i controlli ai fini di una migliore e più concreta gestione della prevenzione.

 

 

Per maggiori informazioni contattare ASQ Ambiente, Sicurezza, Qualità, Energia al numero 051/2133913.